Licenziata per un tatuaggio

by: luglio 16, 2014


licenziata-tatuaggioQuesta è la storia della 38enne Jo Perkins, che si è vista licenziare a causa di un tatuaggio “troppo visibile”.

La società per cui lavorava, la Salisbury Group, le ha dato il ben servito dopo che, poco tempo dopo l’assunzione della Perkins, ha deciso di introdurre una curiosa nuova regola: “No tattoos on show“.

La protagonista possiede un piccolo tatuaggio che raffigura una farfalla di circa 10 cm sul piede, e a causa sua si è vista licenziare in tronco.

La donna ha raccontato tutto al Daily Mail dichiarando: “Ho lavorato per molte aziende di alto livello durante la mia carriera. Ma non ho mai sentito nulla di così ridicolo come questa regola. Mai.”

Sarà il tribunale, ora, a dover dirimere la questione.


Commenti: