L’origine del tatuaggio come necessità di comunicazione.

by: gennaio 16, 2013


tatuaggio originePossiamo dire che il tatuaggio è antico quanto l’uomo. Infatti l’essere umano ha sempre, fin dai tempi più remoti, avuto l’esigenza di esprimersi tramite la decorazione del proprio corpo.

Le motivazioni e i significati potevano essere i più svariati, ma comunque era, ed è sempre, il corpo ad essere utilizzato come mezzo di espressione.

A partire dagli Egizi, dagli antichi Romani, per poi spostarci in Nuova Zelanda e in Polinesia, passando per l’Africa, in ogni luogo si possono ritrovare testimonianze di utilizzo del tatuaggio usato per la comunicazione.

Comunicazione sociale, dove, grazie al tatuaggio, venivano distinte le classi di appartenenza. Fin dall’antica Polinesia, dove spettava ai nobili il prestigio della decorazione, per arrivare ai giorni nostri; se ci voltiamo a guardare l’ultimo secolo, possiamo assegnare questa funzionalità in moltissimi episodi storici.

Era anche utilizzato per segnare, nel percorso della vita, il cambiamento, dove bambini che diventano uomini venivano inizializzati al mondo adulto.

Il tatuaggio è sempre stato utilizzato per ricordare: un evento, un sentimento, un persona, ma sempre qualcosa di importante all’interno della nostra vita.

Poteva avere anche significati religiosi. L’uomo che aspirava a diventare Dio o che celebrava il suo Dio. In Polinesia c’era proprio un sacerdote tatuatore, che, usando degli ossi appuntiti, creava delle incisioni sulla pelle, alla quale, successivamente, veniva applicata della polvere di carbone o pigmenti vegetali che davano la colorazione indelebile. Il momento in cui veniva fatto, vista l’importanza del suo significato, era una vera cerimonia, in cui il superamento del dolore era uno spunto per dimostrare la proprio forza.

Infine il tatuaggio ha anche scopi puramente ornamentali. La valorizzazione del proprio corpo, l’appagamento del nostro ego, il desiderio di mostrare per essere ammirati e ammirarsi.

Qualunque sia la motivazione, il tatuaggio trova la sua origine nella necessità che ha l’essere umano di comunicare.


Commenti: