Quando la rimozione tatuaggio non va a buon fine

by: dicembre 8, 2013


Non sempre il processo di rimozione tatuaggio porta ai risultati sperati.
Con questo articolo vogliamo analizzare le principali controindicazioni che si possono verificare.

Vesciche

Purtroppo capita che dopo le sedute di trattamento si possano presentare grandi e dolorose vesciche.

Cheloidi

Quello delle cheloidi è un effetto collaterale tipico del laser. Alcune persone hanno una predisposizione genetica, quindi occorre informarsi delle proprie condizioni di salute al fine di prevenire l’inconveniente.

Sbiadimento

Alcuni tatuaggi sono molto difficili da cancellare, sopratutto se l’inchiostro utilizzato è di buona qualità. Il risultato è che il disegno si vedrà comunque, con alcune zone più sbiadite di altre.

Macchie Bianche

Dopo un trattamento laser sono abbastanza comuni e generalmente guariscono entro un paio di mesi, ma a volte… non guariscono proprio.

Infezioni da Acido

Oltre alla rimozione laser esiste anche una procedura che utilizza un acido solvente per inchiostri che però comporta anche il rischio di sviluppare infezioni e croste.

Scolorimento della pelle

Un’altro effetto collaterale molto comune: oltre a sbiadire il colore dell’inchiostro il laser agisce sulla melanina della pelle, scolorendo la zona trattata.

Ecco una galleria (non proprio piacevole) che porta alcuni esempi:


Commenti: