Come diventare tatuatore

by: novembre 18, 2014


Come diventare tatuatore

Mamma da grande voglio fare il tatuatore

Esistono diversi modi per diventare tatuatore, molteplici le esperienze. Ma alla base di tutte c’è sempre la passione per il disegno, un tecnica affinata nel tempo e la conoscenza di alcune importantissime norme igienico-sanitarie richieste dalla legge per poter svolgere questo affascinante lavoro.

Corsi, scuole, accademie di Tatuaggi…e poi c’è il fai da te

Molto ampia è la proposta di corsi per imparare la professione del tatuatore; scuole, accademie e persino corsi online. La maggior parte sono corsi specializzati privati che propongono una ricca offerta di materie sia pratiche che teoriche.

Come Diventare tatuatoreSi va dal repertorio artistico con lezioni quali lo studio della storia del tatuaggio, la stesura del colore, laboratori di illustrazione, prospettiva, chiaroscuro, linea, riempimento, passando per vere e proprie lezioni scientifiche che prendono in considerazione le basi dell’anatomia, della biologia, della chimica, le conoscenze di igiene e disinfezione, di allergologia e di infettologia. Si arriva poi ai laboratori in cui, ad affiancare le lezioni più stringenti in materia di “professione tatuatore” quali la strumentazione, le impugnature, i differenti tipi di aghi, i pigmenti da usare, si fa pratica su pelli sintetiche o animali per imparare il procedimento pratico completo da eseguire per i differenti tipi di tatuaggio.

Questa sempre maggiore fioritura di corsi professionalizzanti si affianca a una instancabile tendenza all’autodidattica. Moltissimi sono gli illustratori, disegnatori, artisti o anche giovani appassionati di tatuaggio che procedono in un mare di esperienze personali che col tempo e la passione li portano a diventare tatuatori molto affermati. Tra queste schiere solitamente si celano talenti e fuoriclasse, ma anche rozzi incompetenti. Quindi attenzione e occhi aperti.

Allo stesso modo vanno valutate attentamente le proposte didattiche, tutte molto affascinanti, ma se decidete di intraprendere questa carriera, non da autodidatta, assicuratevi che i corsi che scegliete siano autorizzati dall’ASL in modo da non perdere tempo e denaro, e che permettano di accedere all’esame riconosciuto dal Ministero della Sanità per ricevere l’Attestato legale per esercitare la professione di Tatuatore.

Normativa

Per questo motivo le Regioni Italiane hanno preso provvedimenti a tutela del cittadino e hanno stabilito una serie di regole e requisiti per poter diventare un tatuatore professionista.

Se consideriamo che la pratica del tatuaggio è antica quanto l’uomo, è praticamente dell’altro ieri la normativa per l’esecuzione di procedure di tatuaggio e piercing in condizioni di sicurezza è stata emanata dal Consiglio Superiore della Sanità – Ministero della Salute, nel marzo 1998, quando fare tatuaggi è diventata ufficialmente una professione.

Infatti è da sapere che per poter praticare la professione si possono fare tutti i corsi che si vuole, ma alla fine bisogna ricevere un diploma che viene rilasciato solo in seguito ad un corso formativo regionale a pagamento, della durata di 90 ore, e del superamento della relativa prova finale. Così come previsto con apposita legge dal Ministero della Salute.

Un estratto dall’Atto del Sentato 308 in materia di Disciplina dell’attività di tatuaggio e di piercing, dice: “La qualificazione professionale per svolgere attività di tatuaggio o di piercing si intende conseguita, dopo l’espletamento dell’obbligo scolastico e il raggiungimento di un’età superiore a diciotto anni, mediante il superamento di un apposito esame teorico-pratico preceduto dallo svolgimento di un apposito corso regionale di qualificazione, per un numero complessivo di almeno settanta ore di insegnamento, seguito da un periodo di inserimento pari almeno a seicento ore presso imprese di tatuaggi aderenti alle organizzazioni di categoria più rappresentative a livello nazionale. / 2 – I corsi e l’esame teorico -pratico di cui al comma 1 sono organizzati ai sensi dell’articolo 8.”


Commenti: