Conservare i tatuaggi dopo la morte

by: gennaio 17, 2014


conservare tatuaggi dopo la morteGrazie ai musei e a internet, bellissime opere d’arte sono gelosamente custodite e rimarranno conservate per l’eternità per poter essere godute anche dalle generazioni future.

Ma cosa accade all’arte realizzata sui nostri corpi?
Tutti gli sforzi economici degli appassionati e tutte le opere degli artisti di tutto il mondo sono destinate a marcire in una bara.

Certo, è un pensiero un pò macabro e inquietante, ma un artista olandese, Peter va der Helm ha deciso di dedicarsi completamente a questa “missione” offrendo un servizio unico ai suoi clienti. Per poche centinaia di euro infatti si può decidere di affidare il proprio corpo (una volta passati a miglior vita) ad un patologo che rimuoverà il tatuaggio che verrà congelato o inserito sotto formaldeide. con un processo che dura circa 12 settimane poi, il lembo di pelle diventerà un tessuto “gommoso” da appendere o conservare.

Peter dice che già 30 dei suoi clienti hanno prenotato il trattamento e dice:

“Ognuno spende la propria vita alla ricerca di immortalità e questo è un modo semplice per ottenerne un pezzo”.


Commenti: